luglio 24, 2016

La Mia Porta Venezia – Mauro Thiella

ai-giardini-1

Ah.. Porta Venezia! Un crocevia di persone, progetti, professionalità e creatività unico in città. Unico in Italia. Unico per la sua unicità.

Può capitare di sentirti a Boston, assistendo a un concerto ai giardini del parco circostante i bastioni, dove tutti sono seduti nel parco e una pianista d’improvviso esegue in modo elegante una versione solo piano di Heart Shaped Box dei Nirvana.

Può capitare di sentirti a Berlino, circondati da persone con uno stile e un approccio alla vita completamente personale. Può capitare di sentirti nel cuore dei fatti descritti dai media Italiani e di trovare al tuo solito bar di quartiere personaggi dello spettacolo , piuttosto che candidati sindaco in cerca di proseliti.

Ah.. Porta Venezia, con i Giardini dedicati ad Indro Montanelli, eredità di un passato reale, con scenografie romantiche, laghetti, fontane e musei.

Io ho la fortuna di vivere proprio qui e qui sta nascendo un progetto al quale mi dedico ogni giorno anima e corpo: Bad-X Polo ovvero un marchio di polo da uomo sviluppate in collaborazione con artisti indipendenti (qui la pagina Facebook).

La mia giornata ideale nel quartiere, nei giorni di sole, inizia ai Giardini di Porta Venezia magari portando fuori il cane di un amico, godendo dell’atmosfera paradossalmente rilassata in una città altrimenti frenetica, che al parco, tra le 7,30 e le 8,30 sprigiona una grande energia di persone e paesaggi ancora immacolata, intimamente intenta nell’atto dello svegliarsi.

con-boris-1

Porta Venezia e i suoi locali. Dove fare colazione? Dove trovare le migliori brioche? Dove è possibile gustare un caffè americano realmente filtrato? E soprattutto, perché non godersi tutte queste opportunità mentre incontri un giovane talento della fotografia e dell’architettura, che farà molto parlare di sé?

Amo discutere di progetti e prepararmi alla loro realizzazione di fronte ad una bella brioche, a metà mattina, in un ambiente stimolante dove molti altri giovani creativi stanno lavorando. Come per esempio il Pavé dove, a mio giudizio, è possibile assaporare le migliori brioche del quartiere.

con-salvo-1

Dopo un lungo brain storming e un po’ di lavoro al pc, è tempo di mettere qualcosa sotto i denti.

Porta Venezia offre davvero l’imbarazzo della scelta: un panzerotto al volo o una succulenta pasta allo scoglio? Bastano due patatine fritte da asporto oppure affondiamo i denti in un godurioso hamburger? Anche se non sono vegano, uno dei miei posti preferiti per pranzo è Flower Burger; trovo che i loro panini siano più buoni di molti altri burger di carne della zona ed inoltre.. perché non farsi del bene mangiando molte verdure? Gnam!

Nel pomeriggio incontro un artista di grande talento per valutare future collaborazioni riguardo lo sviluppo di nuove collezioni.

L’incontro con gli artisti è uno degli aspetti più appassionanti del mio lavoro; trovo ci sia qualcosa di estremamente stimolante nell’ incontrare persone di talento e di grande sensibilità. Arricchisce la mia anima ed è sempre fonte di nuove amicizie, al di là del lavoro.

E dove incontrarsi se non in una delle migliori caffetterie della zona? Eccoci da Pandenus, sono le 15:00 e per un’oretta ci gusteremo un buon caffè, qualche pasticcino e tanta arte.

con-fabio-1

Ma il lavoro prevede anche dei momenti solitari al computer. Attività amministrative, di ufficio stampa, di gestione dei clienti, etc. .. A me piace, anche se non è la parte più appassionante del mio lavoro, e forse riesco ad appassionarmici anche perché, nei giorni di sole, posso tornare ai Giardini Indro Montanelli e lavorare immerso nella natura, appena dietro l’angolo rispetto alla frenesia milanese.

ai-giardini-1

Presto arrivano le 18,30.. La giornata lavorativa volge al termine e si avvicina l’ora dell’aperitivo. Amo frequentare quasi tutti i giorni lo stesso bar, il Red Cafè di Via Lecco dove l’ambiente cool si fonde con un’atmosfera familiare, dove la qualità è offerta a prezzi eccellenti e soprattutto dove ogni sera incontro qualche amico del quartiere per scambiare due chiacchiere e rilassarsi un po’. Mentre incontro il primo amico mi preparo a ragionare con Zai, la proprietaria del locale, di prossime collaborazioni tra il mio marchio di polo e il suo bar.

con-diego-1

Aspetta! Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderti neanche una novità.

REGISTRATI