Hygge: il segreto della felicità danese

La prima volta che ho letto questa parola è stata uscendo da un colloquio di lavoro in zona Sant’Ambrogio. Il locale era chiuso, ma sono rimasta piacevolmente colpita dall’arredamento semplice e caloroso.

Ero al telefono con un mio amico al quale ho subito detto di aver visto un locale di cui non riuscivo a capire bene il nome. E’ stato lui a svelarmi l’arcano e a spiegarmi il significato di quella strana parola.

Hygge è una filosofia, uno stile di vita, un termine nordico che arriva dalla Danimarca e che racchiude in sé qualcosa di speciale e unico. Le origini del termine sembrano voler indicare lo ”stare bene”. Apparve nella lingua scritta danese intorno alla fine del XVIII secolo e da allora fa parte della loro cultura.

“Hygge si può applicare a qualsiasi cosa e a qualsiasi luogo”

Sembra che il concetto sia diventato un modo per far fronte al buio e al freddo del clima nordico, è ciò che i danesi fanno per superare l’inverno e vivere in armonia e tranquillità. Da noi quindi si potrebbe concepire come tutti quei momenti passati insieme tra buon cibo e ottima compagnia. La parte centrale dell’hygge infatti risiede nello stare insieme, non richiede alcuno sforzo se non quello di rilassarsi e di godere del tempo trascorso con i propri cari.

Esiste hygge in tutto il mondo, perché è fatto di cose semplici ma allo stesso tempo preziose: il sorriso di un bambino, la telefonata della nonna, il messaggio di una persona cara, la condivisione di un pasto, la lettura di un libro, la canzone preferita cantata sotto la doccia. È un invito a godere di tutte le cose piccole e buone della vita come il cibo, la famiglia e gli amici.

Ecco alcuni consigli su come vivere lo spirito Hygge a Porta Venezia:

  • Iniziare la giornata con una buona colazione da Orsonero Coffee
  • Fermarsi in libreria e scegliere con cura il libro da regalare o regalarsi
  • Fare un giro da Muji e acquistare qualcosa per la casa
  • Pranzare in un luogo caldo e accogliente come Non solo Lesso
  • Compare dei cioccolatini per la persona amata da Cacao Lab
  • Fare una passeggiata con i vostri bimbi nel verde dei Giardini Pubblici Indro Montanelli
  • Partecipare ad un’osservazione guidata del cielo al Planetario
  • Concedersi un tè caldo con l’amica di sempre da Architorta
  • Comprare profumatori d’ambiente e candele da Millefiori Milano
  • Bere un buon bicchiere di vino da Pause
  • Cenare a lume di candela, riscaldati dal calore del braciere a vista alla Bracelleria

E per voi cos’è hygge?

Ognuno di noi ogni giorno sceglie il suo modo di essere hyggelig, perché quando torniamo a casa da lavoro sentiamo tutti la necessità di rilassarci e riposarci in un luogo caldo e accogliente. La casa infatti è il luogo hyggelig per eccellenza: luci soffuse, divano, musica di sottofondo, abiti comodi e tutto ciò che ci fa stare bene.

Sarà dunque questo uno dei motivi per cui la Danimarca è, per la terza volta dal 2012, il paese più felice del mondo? Per approfondire vi consigliamo la lettura del libro Hygge – Metodo danese per vivere felici edito da Newton Compton Editori e scritto dalla danese Marie Tourell Søderberg.

A questo punto non vi resta che provare la hygge, il miglior modo per trovare, a modo vostro, la strada per la felicità.

Fabiana Acquaviva

Aspetta! Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderti neanche una novità.

REGISTRATI