Un mese di danza in Porta Venezia

“Danza in tutte le sue possibili declinazioni” è quanto sintetizzato nella comunicazione del Teatro Elfo Puccini per il 31° Festival MilanOltre che dal 28 settembre al 29 ottobre inietterà creatività nella città di Milano, mettendo in mostra autori italiani di fianco ad astri stranieri.
Porta Venezia Social District seguirà questo magnifico evento per – si spera – raccontarlo nel miglior modo possibile.

photo by milanoltre.org

Sarà fondamentale seguire Anna Teresa De Keersmaeker con Rosas danst Rosas (28 e 29 settembre) in apertura del Festival e altersì l’italiano Fabrizio Favale, che con il suo gruppo Le Supplici presenterà due lavori: Ossidiana (30 settembre) e la novità The Rain Sequence (1 ottobre).
Ad inizio ottobre sarà da non perdere Roberto Zappalà, seguito da numerosi spettacoli tra cui l’accattivante HABITdata con Ariella Vidach, che relazionerà il corpo alle tecnologie digitali e robotiche.

Ci sarà spazio sino al 7 ottobre per numerosi spettacoli, tra cui quelli della Civica Scuola Paolo Grassi, per poi viaggiare in modo vertiginoso verso il 14 ottobre, che celebrerà il 150° anniversario del Canada con un ventaglio di lavori da Québec e British Columbia.

Un focus speciale su Louise Lecavalier con Battleground (7 ottobre) e So Blue (8 ottobre).
In cartellone anche Martin Messier, Anne Thériault, Navid Navab, David Raymond e Tiffany Tregarthen con spettacoli di impatto visivo molto forte e di elaborazione di linguaggi artistici ed emotivi.

photo by milanoltre.org

La chiusura sarà prevalentemente in mano all’Italia, a partire dal veterano Enzo Cosimi (dall’11 al 22 ottobre) con Bastard Sunday di memoria pasoliniana, Corpus hominis sul tema dell’omosessualità, Estasi sulle declinazioni del desiderio e La bellezza ti stupirà per sensibilizzare chi annega nell’indifferenza verso i senzatetto.
Firmerà il finale Susanna Beltrami (27-29 ottobre) con Io sono il Bianco del Nero, viaggio onirico nella trasmutazione dei colori.

Ovviamente queste sono solo alcune delle iniziative in calendario, quelle che noi della redazione di PVSD ci siamo sentiti di segnalarvi, nei limiti delle nostre conoscenze ed esperienze.
Vi invitiamo a consultare il cartellone completo sul sito del Festival, così da inebriarvi assieme a noi di eventi attesi o da scoprire.


Andrea Boccia

Aspetta! Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderti neanche una novità.

REGISTRATI