Running in Porta Venezia

Pasqua e Pasquetta (con relativi abbondanti pranzi) sono passate, le giornate iniziano a diventare più calde e luminose, l’estate si avvicina e la nostra zona può godere di uno dei più bei parchi della città: sapete cosa vuol dire questo? No, mi dispiace, non che dovete munirvi di telo e andare a stendervi sull’erba per iniziare a prendere un po’ di colore in attesa della tintarella estiva (quella vera), ma che è il caso di rispolverare pantaloncini, t-shirt e scarpe da corsa per un po’ di sano movimento ai Giardini Indro Montanelli! Ed è proprio per invogliarvi a rimettervi in forma in vista della prova costume che noi di Porta Venezia Social District abbiamo pensato ad una playlist di dieci canzoni da ascoltare durante la corsa per motivarvi al massimo. E sappiate che una semplice passeggiata non vale: al massimo vi concediamo qualche variazione di percorso all’interno dei Giardini. E ora partiamo!

Fase 1 – Warm Up 

L’ingresso da Corso Venezia è fortemente consigliato: in questo modo avrete l’intera vista del Parco di fronte a voi e potrete iniziare già ora a decidere mentalmente quale percorso seguire. Per quanto riguarda il ritmo della corsa, partite in maniera tranquilla: si sa che iniziare al massimo è il modo migliore per stancarsi presto e rendere l’allenamento quasi inutile. Per questo motivo abbiamo scelto due brani di due autori che hanno fatto e fanno tuttora la storia del rock, ma dal ritmo non eccessivamente sostenuto. La prima canzone è The Rising del boss Bruce Springsteen, brano fortemente significativo perché pubblicato all’indomani dell’attentato alle Torri Gemelle di New York. Il secondo pezzo è una canzone di Lenny Kravitz dai suoni molto “asciutti”: a lui non interessa stupirvi, semplicemente fategli sapere se avete intenzione di seguire la sua strada per questa corsa!

Fase 2 – Alza il ritmo (e il volume)

A questo punto inizierete ad avere i muscoli abbastanza caldi, quindi è giunto il momento di chiedere di più al vostro fisico e aumentare il ritmo della corsa. Per farlo, abbandonate le icone del rock e fatevi accompagnare da due gruppi più giovani, i Bleachers (che in realtà sono una sorta di one-man band) con Rollercoaster e i Bleeker, dei ragazzi canadesi che vedono in Highway il loro maggior successo. E allora avanti, alzate il volume e il ritmo perché state entrando nella fase calda del vostro allenamento!

Fase 3 – Spingi al massimo

Eccoci arrivati alla fase centrale dell’allenamento, durante la quale magari starete anche passando attraverso la parte centrale dei Giardini, in modo da rendere più suggestivo il vostro allenamento. A questo punto l’andatura dovrà toccare il massimo e, per farlo, è giusto che la colonna sonora di questa fase vi porti a dare tutto, perciò la nostra scelta è ricaduta ancora su due nomi che non fanno parte proprio degli ultimi arrivati nel mondo della musica. Partiamo con Monkey Wrench dei Foo Fighters: non ci assumiamo alcuna responsabilità nel caso in cui vi venga voglia di spaccare tutto mentre questa canzone vi passa in cuffia!

Il secondo brano che abbiamo scelto, invece, andrebbe quasi ascoltato con il testo davanti, per ottenere il risultato migliore possibile: d’altra parte cosa può motivarvi di più di chi canta “I can feel I’m getting stronger, the longer I’m pushed through the limit/Said i do it someday, someday is now”?  Ecco a voi Someday Is Now dei sempreverdi Scorpions!

Fase 4 – Resisti, l’obiettivo è vicino!

Siete entrati nella seconda metà del vostro allenamento, quindi l’obiettivo è in vista: impossibile mollare ora! Tuttavia posso capire che le forze inizino a mancare e ci sia perciò bisogno di un aiutino extra per non fermarsi (e non parlo di sostanze strane), perciò ecco una doppia dose di sprint. Prima i Bon Jovi, con la recente Knockout, vi chiedono di dimostrare che nessuno vi può mettere KO, quindi Noel Gallagher vi ricorda ciò che ormai sapete bene anche voi, ossia che ormai non si può più tornare indietro: perché smentirli? Dateci dentro ancora un po’, il traguardo è in vista.

Fase 5 – Rallenta (e goditi il paesaggio)

Ottimo, siete arrivati alla fase finale dell’allenamento: ora potete rallentare il ritmo per l’ultimo tratto e tornare a godervi un po’ il paesaggio che vi circonda. Vedete in lontananza l’ingresso del parco (anche se magari siete più concentrati sulla fontanella che prosciugherete a fine corsa), mentre il sole vi illumina il viso e il verde degli alberi vi accompagna per gli ultimi metri: iniziate a rilassarvi un po’ e a realizzare che, ehi, ce l’avete fatta! È giusto quindi accompagnare quest’ultima fase con due brani meno incalzanti e che aggiungano un po’ di epicità alla vostra impresa. Ecco quindi che As We Ran dei The National Parks (titolo e nome della band perfetti per l’occasione, direi) e Believer degli Imagine Dragons possono solo accompagnare la fine del vostro allenamento.

Qui invece trovate la playlist direttamente su Spotify! Buona corsa!


Alessio Bilardo

Aspetta! Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderti neanche una novità.

REGISTRATI