Consigli Musicali- Bikutsi & Blues Band @Vinile

Spesso le parole hanno un senso che va oltre il loro significato letterale, anche se non sempre ce ne accorgiamo. Un buon modo per rendersene conto, a volte, è confrontarle con la loro traduzione in altre lingue. Pensate, ad esempio, alla parola suonare, che in inglese e in francese ha le sue traduzioni in to play and jouer. Questi due termini, rispetto al nostro, creano un collegamento molto più forte ed evidente tra il fare musica e il gioco, ossia il divertimento. La stessa cosa è ciò che prova a fare la Bikutsi & Blues Band, che giovedì 23 marzo si esibirà al Vinile  di via Tadino 17.

Parola chiave per i membri del gruppo è infatti l’improvvisazione, tanto nella formazione quanto nel modo di suonare. Il nome Bikutsi & Blues Band non identifica infatti un vero e proprio gruppo, ma un progetto che si affianca a molti altri e di cui fanno parte un certo numero di amici che, di volta in volta, propongono al loro pubblico qualcosa di nuovo e diverso. In questa occasione l’obiettivo è quello di unire in un’unica esibizione due lati distinti e (almeno apparentemente) distanti della musica di matrice nera: il blues, nato a cavallo tra l’800 e il ‘900 negli Stati Uniti, e il bikutsi, una musica tipica della zona meridionale del Camerun, caratterizzata da un ritmo sostenuto (bikutsi significa, non a caso, battere per terra), il tutto senza però seguire uno schema preimpostato, ma lasciando spazio alla creatività e alla fantasia dei musicisti. D’altra parte non potrebbero fare altrimenti Faustin Ntsama e gli altri musicisti del gruppo (già membri del coro Elikya, che si è esibito il 17 marzo in un evento pre-festival all’auditorium San Fedele), i quali fanno musica per il loro pubblico, ma anche per mantenere vivo il loro legame con la terra d’origine e usarlo come antidoto contro l’intolleranza che purtroppo ultimamente tende a manifestarsi in maniera sempre più forte.

Insomma, si può ben dire che giovedì prossimo la Bikutsi & Blues Band non si limiterà a suonare, ma cercherà di giocare, divertirsi e divertire chiunque sarà ospite del Vinile, cercando anche di farci apprezzare qualcosa a cui le nostre orecchie non sono abituate: vi servono forse altri motivi per decidere di essere presenti?


Alessio Bilardo

Aspetta! Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderti neanche una novità.

REGISTRATI