70 Anni di storia del cinema milanese: auguri Spazio Oberdan!

cineteca italiana milano porta venezia

Da Gennaio ricominciano le rassegne allo Spazio Oberdan. Particolarmente interessante quella organizzata in occasione dei 70 anni della Cineteca italiana (nata nel 1947) che include capolavori, film rari e d’essai della storia del cinema. Le pellicole che saranno proiettate, tutte in copie 35 mm secondo una tradizione inaugurata dal Department of Film del MoMa di New York, provengono dall’archivio della Cineteca, che appunto vanta una raccolta incredibile di corto e lungometraggi diventati ormai dei veri e propri pezzi storici.

La selezione dei film

Per questo evento sono state scelte 13 pellicole, e si potrà assistere alla visione di ognuna più di una volta a seconda della giornata e dell’orario; in questo modo sarà impossibile perdersi i film che più vi interessano. La rassegna durerà tutto il periodo di gennaio, dal 9 del mese fino al 30.

In programma serate originali e sui generis, a partire dal capolavoro del periodo muto L’uomo che ride (Paul leni, 1928), con accompagnamento musicale dal vivo: sicuramente un’esperienza originale per molti appassionati di cinema. Non mancheranno serate all’italiana con i classici di Fellini come Giulietta degli Spiriti del 1965 e Napoletani a Milano di Eduardo di Filippo del 1953.
Seguiranno anche film stranieri, alcuni dei quali molto conosciuti, tra cui Diario di una sconosciuta (Max Ophüls, 1948), L’uomo del banco dei pegni (Sidney Lumet, 1964), Mouchette (Robert Bresson, 1967); e una serie di film meno celebri ma per diversi motivi molto interessanti come A porte chiuse di Dino Risi (1960), La mano dello straniero (Mario Soldati, 1953), Il sorriso del grande tentatore (Damiano Damiani, 1974), I giorni dell’ira (Tonino Valerii, 1967), Sette note in nero (Lucio Fulci, 1977) e Parigi è sempre Parigi di Luciano Emmer del 1951.

Nella rassegna è stato inserito anche il film L’amico di famiglia di Paolo Sorrentino del 2006.

Il primo appuntamento: tutto all’italiana!

cineteca-2 milano porta venezia

Appuntamento dunque per il 9 gennaio, con la proiezione alle ore 19.00 della commedia A porte chiuse di Dino Risi del 1961; interprete la bellissima Anita Ekberg, che tutti ricordiamo nella famosa scena della fontana ne La dolce vita al fianco di Marcello Mastroianni.

Il film è ambientato nell’immaginaria cittadina greca di Domokos, dove viene celebrato il processo alla bella Olga Duvovich, accusata di avere ucciso il suo amante, un finanziere molto ricco. Gli elementi di prova sono piuttosto contrastanti e perciò il Presidente della Corte decide un sopralluogo dove è avvenuto il delitto. Il fascino dell’imputata però è così grande che costui s’innamora della vedova e decide di fuggire con lei una volta concluso il processo. Naturalmente a complicare la vicenda ci sarà anche la questione dell’eredità da affrontare.

Insomma una commedia imperdibile, per chi ama il cinema italiano dei grandi maestri come Dino Risi.

Link al sito per orari e programma completo http://oberdan.cinetecamilano.it/eventi/cineteca-70/


Chiara Parma

Aspetta! Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderti neanche una novità.

REGISTRATI